Il nuovo Arbitro Bancario Finanziario

L’arbitro bancario finanziario (di seguito ABF) è un sistema di risoluzione alternativa delle controversie tra clienti per ciò che concerne le operazioni bancarie e i servizi bancari e finanziari.

La possibilità di ricorrere all’arbitro bancario è semplice e non è necessaria che il cittadino sia assistito da un avvocato.

Il ricorso è poi deciso sulla base della documentazione allegata. Basta inviare una richiesta e pagare il costo di 20 euro che vengono rimborsati in caso di accoglimento del ricorso. Rispetto al giudice ordinario, questa soluzione rappresenta una valida alternativa con la possibilità di impugnare la decisione dell’arbitro, nel caso in cui la decisione dell’ABF non sia soddisfacente.

Per ricorrere all’arbitro è necessario avere preventivamente tentare di risolvere la controversia inviando una lettera all’intermediario.

L’arbitro è un organo indipendente e imparziale sostenuto dalla Banca d’Italia e le sue decisioni son vincolanti al pari di quelle di un giudice. Per questo motivo, in caso di inottemperanza da parte dell’intermediario, è pubblicata la notizia dell’inadempimento.

Istituzione dell’arbitro bancario finanziario

L’organismo è stato istituito con legge nel 2009 in attuazione dell’art. 128-bis del TUB.

Il Comitato Interministeriale per il Credito e il Risparmio (CICR) – che opera presso il Ministero dell’Economia e delle Finanze – con Delibera del 29 luglio 2008 ha stabilito i criteri per lo svolgimento delle procedure di risoluzione delle controversie e ha affidato alla Banca d’Italia il compito di curarne l’organizzazione e il funzionamento. In applicazione della Delibera del CICR la Banca d’Italia ha adottato le disposizioni che regolano il funzionamento del sistema stragiudiziale ABF nel suo complesso.

Attualmente, dopo alcuni anni dalla sua istituzione, l’ABF che aveva inizialmente operato con tre Collegi territoriali, è attivo suda dicembre 2016 con sette collegi competenti in base al domicilio del cliente.

Dove si trova l’arbitro bancario finanziario

Le sedi dell’ABF sono istituite presso Bari, Bologna, Milano, Napoli, Palermo, Roma e Torino.

Composizione del collegio

In ogni collegio è assicurata la Rappresentanza di tutti i diversi interessi coinvolti e ogni collegio è composto da cinque membri.

Tre membri sono designati dalla Banca d’Italia, il Presidente e due membri. Gli altri due sono designati, uno dalle associazioni degli intermediari e l’altro dalle associazioni di rappresentanza dei clienti, sia di imprese che consumatori.

Tutti i membri devono possedere requisiti di esperienza, professionalità, integrità e indipendenza. Il presidente dura in carica cinque anni e il suo mandato suo e quello degli altri membri è rinnovabile una volta sola.

Come fare ricorso

Dal 5 agosto il ricorso può essere presentato solo telematicamente e, come si precisare prima, non è necessario che la parte interessata presenti il ricorso con l’assistenza di un avvocato.

Prima del ricorso vero e proprio, è necessario fare un reclamo alla banca (o alla finanziaria), che ti dovrà rispondere entro 30 giorni dalla ricezione della tua segnalazione. Nel caso in cui la parte non sia soddisfatta dalla risposta ricevuta, può procedere alla proposizione del ricorso, purché entro 12 mesi dalla presentazione del reclamo. Dopo la registrazione on line e la presentazione vera e propria del ricorso, l’ABF contatterà la banca o la finanziaria controparte che avrà 45 giorni per presentare le sue osservazioni all’arbitro. Entro 60 giorni dalle osservazioni, l’ABF è tenuto a decidere, accogliendo o rigettando il ricorso.

Per quanto riguarda i costi, per presentare ricorso all’ABF, è necessario pagare un piccolo contributo di 20 euro che verranno rimborsate dalla Banca che sarà condannata a pagare oltre al contributo di 20 euro anche 200 euro all’ABF. In caso, di mancato accoglimento del ricorso, il contributo di 20 euro non sarà rimborsato.

Normativa Arbitro Bancario Finanziario

  • Direttiva 2013/11/UE del Parlamento europeo e del Consiglio del 21 maggio 2013 sulla risoluzione alternativa delle controversie dei consumatori (c.d. direttiva sull’ADR per i consumatori),
  • Regolamento UE n. 524/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio del 21 maggio 2013 relativo alla risoluzione delle controversie online dei consumatori (c.d. regolamento sull’ODR per i consumatori),
  • Raccomandazione della Commissione Europea del 30 marzo 1998 sui principi applicabili agli organi responsabili per la risoluzione stragiudiziale delle controversie in materia di consumo (98/257/CE),
  • Testo unico bancario (TUB) (trasparenza delle condizioni contrattuali e dei rapporti con i clienti, istituzione di sistemi di risoluzione stragiudiziale delle controversie insorte tra intermediari e clienti (art. 128-bis),
  • D.lgs. 6 agosto 2015, n. 130 attuativa della direttiva 2013/11/UE sull’ADR per i consumatori,
  • Disposizioni della Banca d’Italia in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari e di correttezza delle relazioni tra intermediari e clienti
  • Delibera del CICR n. 275 del 29 luglio 2008 che ha stabilito i criteri per lo svolgimento delle procedure di risoluzione stragiudiziale delle controversie e ha affidato alla Banca d’Italia il compito di curarne l’organizzazione e il funzionamento.

Normativa funzionamento ABF

La disciplina di dettaglio sul funzionamento del sistema ABF e sulla procedura di ricorso è contenuta nelle disposizioni della Banca d’Italia del 18 giugno 2009 (aggiornate a novembre 2016). Completano il quadro normativo di riferimento:

  • il Regolamento per il funzionamento dell’Organo decidente dell’ABF,
  • il Codice deontologico che individua i valori e i principi fondamentali e stabilisce le regole di comportamento per i componenti dei Collegi,
  • la tabella dei compensi per i componenti dei Collegi.

Per leggere le decisioni dell’ABF, consulta questo link

https://www.arbitrobancariofinanziario.it/decisioni/ricerca/ricerca.html?numero=&anno=2018

Fonti sull’arbitro bancario finanziario

https://www.arbitrobancariofinanziario.it

www.bancaditalia.it

Altroconsumo.it

Sidebar